Tag: Motown

Rick James – Cold Blooded

Tu sei lì, tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta, bello funkadelico e macho, erede legittimo, riconosciuto e di successo di una tradizione che parte da James Brown e arriva giusto giusto a te, pubblichi canzoni irresistibili che hanno dentro il ritmo nero della strada, scrivi pezzi per Smokey Robinson, i Temptations e Eddie Murphy addirittura, ti circondi di donne in abiti buoni per sfilare sulla Salaria, donne delle quali scopri, oltre ai suddetti abiti, anche inattese doti vocali, donne per le quali produci dischi, pure quelli di un certo successo, e insomma stai lì a tenere alta la bandiera del funk negli anni del pop annacquato e a raccogliere il grano e la grana di tanto talento e impegno, quando: a) un ragazzino di Minneapolis con la vocina da femminuccia, che ti ha fatto da spalla in un tour, ti ruba un po’ di trucchi del mestiere e inizia a sorpassarti a sinistra e a destra – tu gli rubi la tastiera, peraltro, ma quella è un’altra storia; b) te ne parti per la tangente grazie a uno stile di vita tutt’altro che professionale, che ti porta a salutare tutti nel 2004, a cinquantasei anni. Altro che sangue freddo, caro Rick. Caldo, troppo caldo.