La città abusivamente eterna

“Sacro GRA”, così ho scoperto una Roma sconosciuta