Il giovane pubblico americano e il tennis

Noah: “Hanno ucciso lo spirito del tennis”